Cina, sfruttare il megatrend della crescita secolare e dell’impulso all’innovazione

Il settore cinese dei servizi IT si attesta su un rapporto prezzo/utili (prospettici a 2 anni) di 16,8, con uno sconto del 10% rispetto ai concorrenti statunitensi.

Nell’articolo Il nuovo concetto di Made in China punta sull’innovazione abbiamo approfondito i fattori determinanti dell’evoluzione delle aziende cinesi, che negli ultimi decenni hanno cominciato ad importare su larga scala ‘know-how’ e proprietà intellettuale, andando a formare la cosiddetta ‘New China’. Questo fenomeno ha condotto alla produzione di beni sofisticati volti a soddisfare la crescente domanda domestica, inducendo però al contempo a tralasciare lo sviluppo interno di nuove competenze. In questo articolo ci focalizziamo invece su come si possano cogliere le opportunità che questo trend crea all’interno del mercato azionario cinese, in un’ottica di investimento a medio-lungo termine.

LA CRESCITA DELLA RICCHEZZA DEI MILLENNIALS

Prima di approfondire il capitolo relativo agli investimenti, occorre ricordare che la rapida innovazione degli ultimi anni in Cina si è materializzata anche come reazione all’evolversi di valori e abitudini dei consumatori locali, fenomeno ulteriormente esacerbato dalla crescente ricchezza dei millennial (i nati tra il 1980 e il 2000). In termini pratici, l’impatto più evidente delle notevoli disponibilità di spesa dei giovani cinesi è riscontrabile negli acquisti online.

VENDITE ONLINE IN CINA: +36%

Le vendite online in Cina, facilitate da consumatori più avvezzi all’uso della tecnologia, da sistemi di pagamento mobili all’avanguardia e dall’accesso quasi universale ad Internet , hanno infatti registrato una rapida accelerazione. Basti pensare che lo scorso anno la vendita al dettaglio online è cresciuta del 36%, rispetto a un incremento di appena il 6% delle vendite offline.

E-COMMERCE AL 30% SUL TOTALE

Questo ha permesso all’e-commerce cinese di arrivare a rappresentare oltre il 30% del totale delle vendite retail, rispetto a una percentuale inferiore al 15% registrata in Occidente. Considerato che il governo cinese continua a concentrarsi su una graduale transizione verso un’economia più orientata al consumatore (‘New China’), ci sono tutti i presupposti affinché questo fenomeno possa proseguire.

PROBLEMI DI GOVERNANCE AZIENDALE

Certo, quando si parla di Cina, non si possono trascurare i rischi principali che possono interessare gli investitori, a cominciare dal rispetto degli standard di governance nelle società a controllo statale quotate. Tuttavia, guardando oltre questi canonici ostacoli, emergono, in particolare all’interno del mercato domestico, un numero significativo di A-shares (azioni quotate sul mercato di Shanghai) emesse da aziende con modelli di business innovativi e con un ottimo potenziale di crescita.

OPPORTUNITÀ NELLA OLD E NELLA NEW CHINA

“Esistono ancora selezionate opportunità nell’economia della ‘Old China’ industriale, tuttavia la stragrande maggioranza delle opportunità appartengono alla cosiddetta ‘New China’ ”, specificano gli esperti di Goldman Sachs Asset Management (‘GSAM’). Resta tuttavia di primaria importanza un approccio selettivo, orientato alle valutazioni a livello di singola azienda.

VALUTAZIONI COMPETITIVE

Tuttavia, assumendo come esempio il settore dei servizi IT, le aziende cinesi continuano a trattare in Borsa con un rapporto prezzo/utili (prospettici a 2 anni) pari a 16,8, ovvero con uno sconto del 10% rispetto ai concorrenti statunitensi. “Spinte da una crescita secolare e dall’impulso dell’innovazione, le aziende della ‘New China’ possono, a nostro avviso, continuare a crescere in modo sostanzialmente più rapido rispetto alla media dell’economia cinese e generare potenzialmente rendimenti elevati per gli investitori”, concludono i professionisti di GSAM.

ARTICOLO AD USO ESCLUSIVO DEGLI INVESTITORI PROFESSIONISTI E QUALIFICATI.

Tutti gli investimenti comportano dei rischi, tra cui la possibile perdita del capitale. Le opinioni espresse sono quelle dell’autore/autori alla data di pubblicazione del documento e possono variare in qualsiasi momento a causa di cambiamenti del mercato o delle condizioni economiche. Tutte le informazioni concernenti, i rendimenti attesi e le prospettive di mercato si basano sui risultati della ricerca, delle analisi e delle opinioni dell’autore/autori. Pertanto, talune conclusioni sono anche di natura speculativa e potrebbero quindi non realizzarsi. I rendimenti passati non sono indicativi dei risultati futuri. Tutti gli investimenti comportano rischi, tra cui la possibile perdita del capitale.

**  Il presente articolo è stato redatto da FinanciaLounge. Una parte di contenuti e dati gentilmente concessi da Goldman Sachs

aiqingwang / E+ / Getty Images


FinanciaLounge
18 giugno 2018
Partner
Top