Rischio di credito

La capacità stimata di corrispondere gli interessi e ripagare alla scadenza prestabilita il debito definisce il rischio di credito dell’emittente di una obbligazione.
Al fine di valutare il merito di credito di un emittente si fa riferimento al rating, ossia a valutazioni formulate da società indipendenti tra le quali Moody’s, Standard & Poor’s e Fitch sono le più autorevoli.
Il rating degli emittenti obbligazionari non deve tuttavia essere confuso con quello dei fondi comuni.
Quest’ultimo, infatti, è un giudizio sintetico sulla qualità di questi prodotti di investimento elaborato da agenzie specializzate sulla base delle performance, dei costi, della volatilità e di altri specifici parametri.
Lo standard di affidabilità del fondo emerge dal confronto con fondi affini, raggruppati nella medesima categoria: l’agenzia attribuisce un punteggio per classificare all’interno della stessa categoria i fondi che registrano il migliore mix di rendimento, rischio e spese.
L’assegnazione di un rating da parte di un’agenzia specializzata è garanzia di coerenza della performance dei fondi con quanto esposto nel prospetto informativo: tramite il rating il sottoscrittore è aiutato nella selezione dei fondi da inserire nel portafoglio.

FinanciaLounge
23 marzo 2015
Partner
Top