Candriam

Transizione energetica, l’importanza di votare nelle assemblee societarie

Nel 2018 CANDRIAM ha partecipato a 775 assemblee per mitigare il rischio e creare valore per i clienti: focus sulla transizione energetica e sulle retribuzioni dei dirigenti

di Antonio Cardarelli 10 Maggio 2019 - 7:00
Sotto il profilo dell’engagement, il 2018 è stato un anno intenso per CANDRIAM. La società, infatti, ha partecipato a 775 assemblee, votato su 11.432 risoluzioni e svolto attività di engagement con 153 aziende. Sono i numeri del CANDRIAM Engagement Report 2018, un documento che è parte della politica di comunicazione informativa della società.

L’IMPEGNO DI CANDRIAM

Nel corso delle assemblee, CANDRIAM ha espresso la propria preoccupazione almeno una volta in più del 68% dei casi e ha respinto l’11% delle risoluzioni proposte dal management. Le questioni controverse hanno riguardato tre temi principali: elezioni dei membri del cda, remunerazione e capitale azionario.

REMUNERAZIONE IN PRIMO PIANO…

CANDRIAM ha votato contro gli amministratori per mancanza di indipendenza in 202 occasioni nel 2018 (contro le 79 nel 2017). Votare contro gli amministratori è una delle decisioni più serie che gli azionisti possano prendere e CANDRIAM non prende alla leggera questo problema. Tra le questioni fondamentali figura la remunerazione, e nel 2018 CANDRIAM ha respinto quasi il 33% delle risoluzioni sulla retribuzione dei dirigenti a causa della mancanza di informazioni o dell’assenza di condizioni di performance sfidanti associate a piani di incentivi a lungo termine.

… INSIEME ALLA TRANSIZIONE ENERGETICA

La transizione energetica è stato il tema dominante del dialogo con gli azionisti e uno dei tre – insieme a eque condizioni del lavoro ed etica aziendale – che CANDRIAM ha scelto come temi di lungo termine dal 2015. Nel 2018 le Nazioni Unite, tramite i Principles of Responsible Investment (PRI), hanno lanciato l’iniziativa Climate Action 100+ e CANDRIAM si è impegnata sia congiuntamente che individualmente con le aziende per chiedere maggior trasparenza. Tra i fondatori dei PRI, CANDRIAM è anche tra i firmatari e membro di circa 40 iniziative globali volte a promuovere le best practice ambientali, sociali e di governance nell’asset management.

Auto elettriche, trasformare le batterie esauste da problema a risorsa

Auto elettriche, trasformare le batterie esauste da problema a risorsa

MITIGARE IL RISCHIO

"Crediamo fermamente nella partecipazione attiva, e in particolare nell’engagement, contributi fondamentali per la mitigazione del rischio e la creazione di valore per i nostri clienti", afferma Isabelle Cabie, Global Head of Responsible Development. "Nell'attuale contesto di rottura con il passato, caratterizzato da sfide globali sempre più urgenti, anche le società stanno facendo la loro parte e compiono ogni giorno sforzi maggiori per muoversi nella giusta direzione. In qualità di gestore patrimoniale responsabile, CANDRIAM vuole contribuire ad accelerare ulteriormente questo processo e ad elevare gli standard sulle questioni ambientali, sociali e di governance".
Trending