Consob

Cresce anche in Italia il robo advisor, ma per il cliente il riferimento resta il consulente

Le masse gestite in Italia, a fine 2019, saranno oltre 358 milioni di euro. Aumenta l’utilizzo del robo advisor ma l’interazione con il consulente finanziario resta importante

di Fabrizio Arnhold 30 Dicembre 2019 - 14:00
L’obiettivo è 400 milioni di dollari. Le masse gestite da robo advisor sul mercato italiano, a fine 2019, arriveranno a circa 358 milioni di euro. La previsione è quella riportata dall’ultimo Quaderno Fintech della Consob “Valore della consulenza finanziaria e robo advice nella percezione degli investitori”. L’elemento umano, però, resta fondamentale: secondo quanto si evidenzia, infatti, l’interesse verso il robo advice è legato alla possibilità di avere un modello ibrido, capace di unire l’elemento tecnologico con quello umano. 

LE MASSE GESTITE DA ROBO ADVISOR

Ampliando l’analisi a livello mondiale, le masse gestite da robo advisor superano quest’anno i 980 miliardi di dollari, guardando al portafoglio medio, si legge nel Quaderno Consob “si dovrebbe aggirare attorno ai 21mila dollari”. La consulenza automatizzata è destinata ad aumentare “con un tasso medio di crescita annuo del 27%, fino a raggiungere i 2.552 miliardi di dollari nel 2023, quando il numero complessivo dei clienti serviti dovrebbe superare i 147 milioni”. 

L’IMPORTANZA DELL’INTERAZIONE UMANA

Lo studio mette sotto la lente la percezione degli investitori a proposito del robo advice, la consulenza finanziaria governata dagli algoritmi. Il fattore umano, però, non è destinato a scomparire per lasciare spazio ai robot. Gli investitori che si rivolgono a intermediari tradizionali sono abituati alla relazione umana, soprattutto per essere rassicurati. Lo human touch, quindi, continua ad avere un peso importante, rimanendo “un fattore critico di successo - si legge nel Quaderno Consob - che in prospettiva potrebbe essere sempre più valorizzato”. 

Goldman Sachs, robo advisory “di massa” per clienti da 5000 dollari

Goldman Sachs, robo advisory “di massa” per clienti da 5000 dollari

IL COSTO DEL SERVIZIO 

Quanto si paga per il servizio, non è chiaramente percepito dagli investitori tradizionali come un elemento discriminante che può far scegliere tra un consulente umano o un robo advice. Il motivo è legato alla mancanza di conoscenza del costo del servizio: molti clienti credono che quello tradizionale, offerto dalla propria banca, per intenderci, sia gratuito. In questo senso, la strada da percorrere in fatto di trasparenza bancaria e Mifid II è ancora lunga.

PATRIMONIO E INFORMAL ADVICE

Solo il 30% degli investitori privati si rivolge ad un consulente finanziario dedicato, mentre il 40% preferisce chiedere ad amici, parenti e colleghi (informal advice). Tra i fattori che scoraggiano la domanda di consulenza c’è la sfiducia verso gli intermediari e la convinzione che non servano per investire piccole somme di denaro. Se è vero che in futuro aumenteranno i risparmiatori che si affideranno ad un algoritmo per trovare la soluzione più adatta alla gestione del proprio portafoglio - cercando sempre più un servizio personalizzato e di qualità -, la presenza di un riferimento umano sarà indispensabile per ridurre la percezione di insicurezza, amplificata anche dalla scarsa cultura finanziaria. 
Trending