Calcio e soldi

Nove società di Serie A nel mirino dell’Antitrust

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha rilevato la presenza di clausole vessatorie nella vendita di biglietti e abbonamenti

di Antonio Cardarelli 13 Novembre 2020 - 9:23
Ci sono anche Juventus, Roma e Lazio – società quotate in Borsa – tra le 9 squadre di Serie A oggetto dell’accertamento dell’Antitrust per la presenza di clausole vessatorie nell’acquisto di biglietti e abbonamenti stagionali.

NOVE SQUADRE NEL MIRINO

Nel dettaglio, l'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha concluso i procedimenti istruttori su Atalanta, Cagliari, Genoa, Inter, Lazio, Milano, Juventus, Roma e Udinese arrivando alla conclusione che i diritti dei consumatori, in termini di rimborsi di parte dell’abbonamento o del singolo biglietto, non siano stati rispettati.

EVENTI ANNULLATI

Il riferimento è alla chiusura dello stadio, o di parte di esso, con impedimento per lo spettatore che aveva acquistato il biglietto di assistere all’evento. Le criticità rilevate dall’Antitrust sono riferite all’ottenimento del rimborso del titolo di accesso per la singola gara in caso di rinvio dell'evento causato sia da fatti imputabili alla società, sia da circostanze che prescindono dalla responsabilità di quest'ultima e all’ottenimento del risarcimento del danno qualora questi eventi siano direttamente imputabili alla società.

MILAN E CAGLIARI

In merito alle società Milan e Cagliari, l’Antitrust ha accertato la rimozione dei profili vessatori nelle nuove versioni delle condizioni contrattuali adottate dopo le comunicazioni di avvio dei procedimenti. L'Antitrust ha disposto che venga pubblicato un estratto dei provvedimenti sulla homepage dei siti web delle nove società per 30 giorni consecutivi.
Trending