Caccia al rendimento

Una soluzione obbligazionaria flessibile basata su solidi criteri ESG

Gli esperti Fidelity International spiegano perché focalizzarsi sui fattori di sostenibilità aumenti la probabilità di garantire i più elevati standard di qualità e incrementi la resilienza anche in ambito obbligazionario

di Leo Campagna 12 Dicembre 2020 - 13:30
Negli ultimi anni i benefici dell'investimento sostenibile sono apparsi sempre più evidenti e la crisi di Covid-19 ha ulteriormente accelerato questo processo. Un fenomeno che ha spinto anche i responsabili politici a sostenere questo trend virtuoso. All'inizio di quest’anno, per esempio, l'Unione europea ha ribadito il proprio impegno a favore del Green Deal con un budget di spesa di 1.000 miliardi di euro, 225 dei quali destinati ai green bond (dati Bank of America). Si tratta dunque di un tema che sta prendendo piede anche sul comparto del reddito fisso

UN ULTERIORE ELEMENTO DI RISCHIO INDIPENDENTE

“Riteniamo che i fattori ambientali, sociali e governance (ESG) possano risultare un ulteriore elemento di rischio indipendente da tenere in considerazione anche per i titoli a reddito fisso. Per questa ragione, in tutti i nostri investimenti, oltre ai dati finanziari degli emittenti, le misure di liquidità, la probabilità di default e la performance degli spread, teniamo nella dovuta considerazione anche le credenziali ESG. L'integrazione di questi fattori con i puri dati finanziari può infatti aggiungere valore in un portafoglio obbligazionario globale, sia migliorando la performance che riducendo la volatilità”, spiegano Claudio Ferrarese e Tim Foster, Portfolio Managers dell’FF Sustainable Strategic Bond Fund di Fidelity International.

LO STUDIO SULLE PERFORMANCE DI 1.450 EMITTENTI

A questo proposito Fidelity ha condotto uno studio per esaminare la performance dal 2 gennaio al 30 settembre 2020 di 1450 emittenti valutati dai propri analisti del reddito fisso, utilizzando i rating ESG proprietari. “Le società con rating più alti hanno ottenuto risultati in media migliori rispetto ai loro omologhi con meriti ESG più bassi”, rivelano i due manager. Dati che dimostrano come, le forti credenziali ESG per gli emittenti a reddito fisso, portino in media a rendimenti più elevati.

GARANTIRE I PIÙ ELEVATI STANDARD DI QUALITÀ

Un team di gestione capace di focalizzarsi sui fattori di sostenibilità ha pertanto maggiori probabilità di garantire i più elevati standard di qualità e ha più possibilità di costruire un business che sia resiliente anche in un periodo di crisi. Si tratta di un approccio capace di rispondere alle esigenze degli investitori a reddito fisso, ancora alla ricerca di strategie d'investimento che possano offrire loro rendimenti interessanti, contenimento dei drawdown e gestione della volatilità. Esigenze oggi ancora più sfidanti alla luce di un contesto di bassa crescita e bassi tassi d'interesse.

SI RENDE NECESSARIO UN APPROCCIO PIÙ FLESSIBILE

“Nell'investimento a reddito fisso si rende indispensabile un approccio più flessibile. Le strategie con una allocazione dinamica tra le varie categorie obbligazionarie consentono di scegliere tatticamente, di volta in volta, le aree più interessanti e fornire il potenziale per migliorare i rendimenti corretti per il rischio pure in un contesto economico incerto”, fanno presente i due manager di Fidelity International.

GLI OBIETTIVI DELL’FF SUSTAINABLE STRATEGIC BOND FUND

Uno scenario nel quale l’FF Sustainable Strategic Bond Fund rappresenta una soluzione slegata da indici, con un'attenzione particolare all'investimento sostenibile, per gli investitori che ricercano un rendimento totale positivo, consapevoli dei rischi da mettere in conto. Il comparto si propone infatti di generare un rendimento totale robusto corretto per il rischio nel corso del ciclo, mitigando al contempo il pericolo di ribasso, con un'attenzione particolare ai titoli contraddistinti da solide caratteristiche di sostenibilità.
Trending