Il nuovo firmamento della ristorazione

Guida Michelin, ecco qui i nuovi ristoranti stellati del 2022

Pubblicata la nuova edizione con 36 new entry. La Campania brilla per le novità mentre la Lombardia al primo posto per numero di riconoscimenti

di Annalisa Lospinuso 24 Novembre 2021 - 10:37
financialounge - news
financialounge - news

Trentasei nuove stelle e 35 ristoranti: questo il nuovo firmamento della Guida Michelin, giunta alla 67esima edizione. Tra le novità stellate di quest’anno, distribuite in 14 regioni italiane, si distingue la Campania che fa il pieno di stelle (ben otto) e due nuovi ristoranti che rientrano nella selezione italiana.

LA GUIDA MICHELIN


Nella Guida ci sono due new entry con due stelle e 33 novità con una stella, per un totale di 378 ristoranti. Confermati tutti gli 11 con tre stelle. A sorpresa, il ristorante Tre Olivi di Paestum passa da zero a due stelle. Ci sono anche 17 nuovi ristoranti ai quali gli ispettori hanno assegnato la Stella Verde per la sostenibilità, per un totale di 30 con questo riconoscimento.

LA CLASSIFICA


In sintesi il panorama stellato 2022 si compone di 378 ristoranti così distribuiti: 329 ristoranti con una stella (33 novità), 38 a due stelle (due novità), 11 a tre stelle.

LA CLASSIFICA REGIONALE


In testa alla classifica per regioni si piazza la Lombardia, con 56 ristoranti (tre con tre stelle, cinque con due, 48 con una) e quattro nuovi stellati. La Campania si aggiudica invece il record annuale di novità, ben sette, e il secondo posto con 48 ristoranti, (8 con due stelle e 40 con una). Il Piemonte, una novità e 45 ristoranti (uno con tre stelle, quattro con due, 40 con una), scende sul gradino più basso del podio mentre con una new-entry e 41 ristoranti (1 con tre stelle, 5 con due, 35 con uno), la Toscana scala in quarta posizione davanti al Veneto che a fronte del totale di 36, è la seconda regione più premiata del 2022 grazie a 5 nuovi ristoranti stellati (1 con tre stelle,4 con due, 31 con una) presenti in guida.

LE PROVINCE PREMIATE


Tra le province, Napoli si conferma prima con 30 ristoranti (sei con due stelle e 24 con una) seguita da Roma in seconda posizione con 20 (1 con tre stelle, 1 con due, 18 con una ) e da Bolzano terza a quota 19 ristoranti (uno con tre stelle, 3 con due, 15 con una) davanti a Cuneo con 18 (uno con tre stelle, 2 con due, 15 con una). Milano scivola in quinta posizione con 16 ristoranti stellati (1 con tre stelle, 3 con due, 12 con una).

11 MACARON


Nella Guida Michelin ci sono anche le insegne con tre macaron che indicano una cucina che “vale il viaggio”, tra questi Piazza Duomo ad Alba (CN), Da Vittorio a Brusaporto (BG), St. Hubertus, a San Cassiano (BZ), Le Calandre a Rubano (PD), Dal Pescatore a Canneto Sull’Oglio (MN), Osteria Francescana a Modena, Enoteca Pinchiorri a Firenze, La Pergola a Roma, Reale a Castel di Sangro (AQ), Mauro Uliassi a Senigallia (AN), Enrico Bartolini al MUDEC a Milano.

LE STELLE VERDI


La Stella Verde è un simbolo che contraddistingue i ristoratori in prima linea sul fronte della sostenibilità e può essere attribuito a qualsiasi ristorante, in base alla produzione delle materie prime, al rispetto del lavoro e al supporto dei produttori locali, alla riduzione degli sprechi, alla gestione dei rifiuti, alle azioni mirate a minimizzare l’utilizzo delle risorse energetiche e l’impatto della struttura sull’ambiente, alla formazione sostenibile dei giovani. Sono 30 in totale i ristoranti con stella verde, 17 le novità.

PREMI SPECIALI


Sono, inoltre, stati assegnati quattro premi speciali: Premio Michelin giovane chef 2022 by Lavazza, assegnato a Solaika Marrocco, Primo Ristorante, Lecce; Premio Michelin servizio di sala 2022 by Intrecci – Alta Formazione di Sala, assegnato a Matteo Zappile del ristorante il Pagliaccio, Roma; Premio Michelin chef mentore 2022 by Blancpain, assegnato a Nadia Santini, ristorante dal Pescatore, Canneto sull’Oglio (Mn); Premio Michelin sommelier 2022 by Consorzio del Vino Brunello di Montalcino, assegnato a Sonia Egger, ristorante Kupperlain, Castelbello (BZ).
Trending