Settore azionario hi tech, le potenzialità di blockchain e cloud

Qualsiasi turbolenza economica potrebbe fornire una spinta al trend già in atto nell’hi tech dal momento che si tratta di tecnologie che migliorano la produttività.

Una minore fiducia verso le big company internet alla luce delle note questioni legate alla privacy dei dati. Una spiccata attenzione verso la blockchain, la digitalizzazione, e il tema del cloud. Sono queste, in estrema sintesi, le indicazioni formulate da Mark Hawtin, investment director settore azionario tecnologico di GAM Investments.

UNA DIGITALIZZAZIONE PIU’ EFFICIENTE

“Le società tradizionali possono operare una digitalizzazione più efficiente grazie all’impiego di nuove tecnologie, aspetto che abbiamo riscontrato soprattutto con la digitalizzazione dei vecchi sistemi da parte dei governi, come ad esempio il test sicurezza dei veicoli del ministero dei trasporti del Regno Unito” spiega l’esperto. Che, inoltre, rivela di aver mantenuto l’esposizione in portafoglio al tema del cloud e della collaborazione tramite cloud.

GAM: “Gestione attiva preferita da otto investitori italiani su dieci”

GAM: “Gestione attiva preferita da otto investitori italiani su dieci”

IL BOOM DELLE DOMANDE DI CLOUD

Le ragioni? Sia le infrastrutture comunicative immagazzinate all’interno del cloud e sia il segmento relativo all’immagazzinamento dei dati continuano a registrare un significativo incremento della domanda, che risulta addirittura superiore all’offerta. “Relativamente alla blockchain, intesa come tecnologia, siamo persuasi che sia in grado di offrire molteplici opportunità in vari settori e applicazioni mentre l’attenzione dei media è concentrata solo sulle criptovalute. La blockchain può automatizzare i processi basati sulla fiducia, rimpiazzando quindi intermediari e transazioni” puntualizza Mark Hawtin.

INTELLIGENZA ARTIFICIALE E MACHINE LEARNING

Il tutto senza dimenticare il segmento del Software-as-a-Service (Software come servizio, o SaaS). “Quest’ultimo ambito è in fase di accelerazione grazie all’avvento di nuove tecnologie come ad esempio l’intelligenza artificiale e il machine learning. La spesa stimata in tema di intelligenza artificiale dovrebbe crescere dall’attuale livello di 1,6 miliardi di dollari fino ai 31,2 miliardi nel 2025” fa sapere l’esperto.

Bitcoin, chi lo ha azzoppato? Gli indizi puntano sui futures di Chicago

Bitcoin, chi lo ha azzoppato? Gli indizi puntano sui futures di Chicago

APPROCCIO DI GESTIONE SEMPRE AGGIORNATO

Più in generale, Mark Hawtin nel suo lavoro quotidiano di gestione dei portafogli azionari tecnologia non trascura mai di valutare ogni segmento o tema all’interno dell’hi tech al fine di garantire che il proprio approccio sia sempre aggiornato. “I driver di settore continuano ad essere più che validi, e costituiscono un’opportunità indipendentemente dal contesto di incertezza economica. In effetti, qualsiasi turbolenza economica potrebbe fornire una ulteriore spinta al trend in atto, dal momento che si tratta di tecnologie che migliorano la produttività” conclude Mark Hawtin.

I Big Data per prevedere l’andamento dei mercati

I Big Data per prevedere l’andamento dei mercati

**  Il presente articolo è stato redatto da FinanciaLounge. Una parte di contenuti e dati gentilmente concessi da GAM

gorodenkoff / iStock / Getty Images Plus


FinanciaLounge
11 luglio 2018
Partner
Top